L’infermiera di Pisa

linfermieradipisa L'infermiera di Pisa

di OTTIERO OTTIERI

Rifugiato in clinica, il protagonista di questo insolito poema in versi s’abbandona all’affabulazione e alla scrittura, per reagire a insofferenza e noia con un soprassalto vitalistico. Attizzata dal piacere ambiguo dell’autodenigrazione, tra dubbi e sdegni, rimpianti e ossessioni, impertinenze e sberleffi, si dipana la riflessione di chi ha conosciuto tutte le malattie della volontà: le varie qualità della sofferenza di un Io che alterna euforie e malinconie, nonché le impossibili cure: quelle costruite “all’europea” sulla parola e sull’anima, come quelle fondate “americanamente” sulla chimica del corpo.
A illuminare le soffocanti camere d’ospedale e le grottesche fantasie di fuga, è l’infatuazione per una bella infermiera pisana: una passione impossibile e rabbiosa, in cui non manca una certa vanità dongiovannesca. Ma questo inane furore erotico segna anche la scoperta del confine tra sanità e follia, e conduce alla denuncia – e insieme all’accettazione – della incolmabile distanza che separa il desiderio della mente dalla realtà dei sensi.
Nel frattempo, le stoccate comiche e le impennate tragiche di questa dissacrante confessione hanno scompigliato filosofie e concezioni del mondo, chiese e poteri, rivoluzioni e reazioni, slanci e cinismi. Alla fine, temprata da una dialettica esilarante e feroce, la mente riscoprirà se stessa: ingenua e perversa, pura e corrotta, lucida e tenera. Come unico fardello, le rimangono le fragili armi della sua redenzione: desiderio, ironia, poesia.

logo L'infermiera di Pisa
TERZAPAGINA
il Mondello a Ottieri e a Hrabal
premio Mondello 1992: Bohumil Hrabal, “L’uragano di novembre ” (edizioni e/o) ; Ottiero Ottieri, “L’infermiera di Pisa ” (Garzanti).
Gli altri vincitori
 Il premio letterario Mondello, per la sezione riservata a un autore straniero, è stato assegnato al cecoslovacco Bohumil Hrabal, per “L’uragano di novembre” (edizioni e.o.).
Il premio destinato a un’opera italiana è andato a “L’infermiera di Pisa” di Ottiero Ottieri (Garzanti).
Quello per l’opera prima è toccato ex aequo a Nelida Milani (“Una valigia di cartone”, Sellerio) e a Marco Caporali (“Il mondo all’aperto”, Empiria).
Infine sono stati assegnati due premi speciali allo scrittore portoghese Jose’ Saramago e a Fernanda Pivano.
«Dal fascismo adolescenziale all’antifascismo il più accanito, dall’industria e dall’osservazione complice dell’esperienza operaia, al set, al jet set, alla clinica e all’amore. Voleva essere un sindacalista playboy. Sull’industria il libro più noto è Donnarumma all’assalto. Sul setL’impagliatore di sedie, sul jet set I divini mondani, sulla malattia morale L’irrealtà quotidiana e in versi, o meglio in cadenze, La corda corta. Sull’amore, I due amori e Vi amo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *